martedì 21 luglio 2015

cambio di programma

Finalmente un giorno libero tutto intero, un intero giorno di vacanza dalla mattina alla sera. Previsioni di tempo un po' variabile ma neanche brutto, che c'è di meglio del mare? Mare bello, paesaggio diverso e affascinante e non così lontano come quello di Fiorenzuola di Focara ad esempio, dove eravamo stati qualche anno fa e di cui vi avevo parlato in questo post. Una bella giornata programmata e desiderata, ma...a volte il diavolo ci mette lo zampino! Eh già, un imprevisto sotto forma di sentiero interrotto causa frana e i nostri sogni di bagni in acqua limpida, tranquillità e natura selvaggia si infrangono. E allora che si fa? Muso lungo lui, fatalista rassegnazione io, si prosegue per Pesaro.
Pesaro perchè lui ogni tanto ci va per lavoro, Pesaro dove dall'albergo delle conferenze intravedeva una spiaggetta: quella della foto sotto. Sì, ci sarà pure il verde monte San Bartolo dietro, ma  non è proprio la stessa cosa di Focara...qui di selvaggio c'è di sicuro la cementificazione!


Va beh, pazienza, è pur sempre spiaggia non di casa nostra. Quando un languorino si fa sentire togliamo le tende e ci dirigiamo in macchina verso il centro. Qualche giro a vuoto alla ricerca di un parcheggio che poi troviamo. E lì fuori nel piazzale, cosa inaspettata, se si vuole si possono noleggiare gratuitamente delle biciclette per poter girovagare. Bella opportunità, no? Stavolta quella più frenata a coglierla ero io, ma i motivi per rinunciarvi erano davvero futili, così inforchiamo le due ruote per andare a scoprire la città!

Prima tappa però al ristorante: ci fermiamo in un posto elegantino ma senza troppe pretese sul lungomare (l'Angolo di Mario) e capitiamo davvero bene. Gustosi piatti a base di pesce per noi e pane per lui...



Dopo, siesta all'ombra delle tamerici perchè il caldo si fa sentire


e poi via...ancora in sella. Sulla bici si coprono chilometri senza troppa fatica ed è così piacevole ammirare sculture famose come questa dell'artista Pomodoro in cui si specchiano le nuvole


o spingersi ancora più in là per trovarsi immersi in un ambiente deserto e un po' surreale


in cui strani blocchi di cemento ti fanno sentire come dentro alla scena di un film,


non a caso registi e attori vi hanno lasciato le proprie impronte...




e noi vi abbiamo lasciato i nostri sguardi vaganti.


Lasciato il molo in mano a rumorosi ragazzini in vena di scherzi e tuffi


ci rituffiamo in centro dove tra una vetrina, un gelato di crema alla cannella, una fontana


e un estratto di frutta, si fa l'ora di tornare a casa. Che ne dici caro Maurizio,


non è vero che i fuori programma sono spesso mille volte più interessanti e divertenti?

20 commenti:

  1. foto molto belle Ninfa: come sempre!!!
    Buone vacanze e un saluto a Maurizio

    RispondiElimina
  2. Io sono una che detesta i fuori programma,ma hai ragione,a volte si rivelano migliori del programma stesso!

    RispondiElimina
  3. Cara Ninfa, tu e Maurizio siete una coppia così bene assortita che cambiare programma non vi costa più di tanto e questo è amore.

    Baci.

    RispondiElimina
  4. Pesaro la conosco pochino, in compenso conosco bene (e amo) Fano che è lì vicino........un bellissimo centro storico e......si mangia in modo divino :)

    RispondiElimina
  5. le gite fuori programma sono le migliori....tante volte le nostre uscite in moto prendono una piega diversa...e diventano ancora più interessanti del progetto iniziale....

    RispondiElimina
  6. È vero, le improvvisazioni si rivelano spesso delle chicche!

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutti, amici e amiche! Mi fa piacere che quasi tutti voi apprezziate i fuori programma in generale e anche questo mio in particolare. Per adesso vi auguro dal di qui una buona giornata, ci vediamo nei vostri blog quando farà un po' più fresco... ora il caldo mi annebbia anche il cervello e non riuscirei certo a concentrarmi. A presto!

    RispondiElimina
  8. Un viaggio delizioso con splendide fotografie che trasmettono il piacere del mare.
    Un sorriso per il fine settimana.
    ^___^

    RispondiElimina
  9. I fuori programma a casa mia non esistono, per mio marito tutto deve essere pianificato fin nei minimi particolari altrimenti sbuffa e brontola tutto il tempo senza apprezzare le variazioni sul tema e la gita si trasforma in un calvario!
    Se voglio dei fuori programma devo partire da sola. ahahahahah!

    RispondiElimina
  10. Grazie anche a voi della visita Keypaxx, Eli e Marina. Leggo tutto con molta attenzione e mi fanno sempre molto piacere le vostre parole, ma, come dicevo, la voglia di stare al computer d'estate è un po' pochina. Un buon fine settimana a voi, che sia programmato o no!

    RispondiElimina
  11. Un sorriso per un sereno proseguimento d'estate.
    T'aspetto sulle mie pagine.
    ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'invito Keypaxx, ma vado in giro per i blog davvero raramente in questo periodo e trascuro perfino i miei amici virtuali di vecchia data...Non voglio far promesse quindi, ma auguro una buona estate anche a te!

      Elimina
  12. Aaaahhhhhh...ecco perchè non sei venuta a trovarmi!!!! A presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo invece...la gita a Pesaro, anche se postata posticipata a luglio, risale al mese di giugno... Giuro che ti ho pensato Alessandra, ma a luglio sarò andata al mare sì e no tre volte: troppa afa!! Verrò quindi a trovarti a casa e presto :-)

      Elimina
  13. Estate anomala, dunque.
    Ma creatività stratosferica. Lo sai che adoro le tue creazioni.
    Ma anche le belle fotografie così poeticamente ed artisticamente riviste.

    RispondiElimina
  14. Che piacere rivederti anche qui nel blog, Sandra, mi sei mancata! La tua adorazione, ti ringrazio, è certo pari alla mia per la tua: per me tu sei un grande esempio di creatività e abilità manuale. Sono contenta ti siano piaciute anche queste foto un po' riviste...è stata quella dei blocchi di cemento che mi ha ispirato per elaborarle tutte con un colore-non colore. Buon proseguimento del soggiorno estivo nella tua casina nel bosco!

    RispondiElimina
  15. Ricordo quella scultura di Pomodoro !
    Buona domenica, Costantino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Italia l'hai veramente girata tutta, in lungo e in largo, Costantino. E quella è una scultura che non si dimentica...

      Elimina