mercoledì 29 ottobre 2014

a un passo dal Parco della Maremma (terza parte)

 E dopo la pausa origami, eccoci infine alla terza parte (per chi volesse recuperare: qui la prima e qua la seconda), poi non temete, che di viaggi per un po' non se ne parla!


i dintorni costieri: un po' più su, un po' più giù

La costa un po' più su e un po' più giù... Ad attirarci un po' più su è stata la descrizione, nel libriccino fornitoci dell'agriturismo, di una spiaggia "musicale". Musicale perchè la sabbia sotto ai piedi dicono emetta il suono di un violino. Oltretutto era presentata come un magnifico posto. 
Magnifico posto che non siamo però riusciti a vedere, peccato...eh, il parcheggio di Cala Violina al mattino era già al completo e abbiamo dovuto rinunciarvi!

Abbiamo allora ripiegato sulla vicina Punta Ala. Non si può dire proprio un ripiego dato che, essendo una località molto rinomata, mi incuriosiva non poco.
Per quel tratto di lungomare che abbiamo percorso a piedi, posso veramente dire che è davvero esclusiva come avevo sentito dire ...esclusiva però nel senso di escludere dai suoi bagni eleganti qualsiasi curioso che, come noi, avrebbe voluto dare un'occhiata alla spiaggia. Praticamente una barriera impenetrabile di stabilimenti balneari in cui era impossibile intrufolarsi senza passare direttamente da dentro alle strutture "esclusivamente riservate ai clienti". 

Abbiamo trovato però, poco più in là, una grande spiaggia libera, per umani e per cani, ed abbiamo trascorso una bella giornata davvero, meno esclusiva ma più  a contatto con la natura, come piace a noi. 
Qui ho fatto il primo e miglior bagno di tutta la stagione. L'acqua era limpida e invitante come in tutte le altre spiagge viste, ma finalmente aveva una temperatura accettabile. Non posso certo definirmi un pesciolino: nuoto, quelle sette bracciate in fila a rana solo dove tocco, ma quando trovo le condizioni per me ideali, mi sento veramente una ninfa dell'acqua...e raggiungo la felicità ultraterrena.



Ah, dimenticavo il passaggio a Talamone...solamente una foto di un gabbiano su un tetto e niente di particolare da ricordare. Solo un gran pigia-pigia in una caletta con ombrelloni e bar carino. Meglio andarsene, dopo una birra e una cedrata.



Un  posto invece che era nei miei ricordi e in cui mi è piaciuto tornare, è stato Castiglione della Pescaia. Un caratteristico borgo antico, come l'antichità ritratta sotto

   
...ridere di se stessi non fa mai male, vero? Di Castiglione vi metto solo altre tre foto, perchè non voglio esagerare col numero. E' proprio un piccolissimo assaggio, ma se volete fare una scorpacciata di fascino medioevale andateci di persona.





Sono rimasti solo i dintorni un po' più giù...
Un po' più giù, la nostra meta, l'unica meta,  è stata Ansedonia. Ci attirava il fatto che ci fosse una spiaggia nera e una costruzione etrusca: la Tagliata. Partiti dunque, io soprattutto, con la curiosità di vedere questa opera, ci siamo trovati a vagare nella nebbia...nel vero senso della parola.



Una volta che questa si è alzata, abbiamo scrutato l'orizzonte



ma di questa Tagliata non se ne vedeva l'ombra. Maurizio che ha fatto una lunga passeggiata fino al punto in cui la spiaggia terminava contro un roccione, è tornato con un pugno di sabbia nera (allora c'era!) ma senza aver avvistato nessun resto etrusco...allora non c'era?!



Eh no, c'era, c'era, è solo che non l'ha riconosciuta! E questa la dice lunga sul nostro livello di preparazione archeo-storica quando viaggiamo...meglio nascondersi nelle tenebre.



Buonanotte!

26 commenti:

  1. Ciao, ho un giveaway aperto, se vuoi puoi partecipare. É bellissimo tutto, ti aspetto.
    http://redecoratelg.blogspot.com.es/

    Bellissimo questo post. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti Lola, sei molto gentile. Ti ringrazio anche per l'invito, ma ho fatto la scelta, già da alcuni anni, di non partecipare a giveway. Ciao, buona settimana!

      Elimina
  2. Sicuramente un bel viaggio.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo è stato sicuramente. Era una zona che già da tempo avrei voluto visitare bene e questa estate si è presentata l'occasione giusta. Spero comunque di tornarci per vedere meglio il parco. Ciao, Cavaliere!

      Elimina
  3. Vi aspetto a Verona per il prossimo incontro bloggers (fine maggio)!!!
    Mi raccomando, non mancate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella scelta Verona! Visto che è la città in cui abiti sei fortunato...comunque spero proprio che all'incontro di maggio riusciremo ad esserci anche noi, in fondo è un pochino più vicino di Milano. Aspettaci, Luigi!

      Elimina
  4. Ninfa, i tuoi racconti sono reportage giornalistici con foto che rendono bene la bellezza dei luoghi. Che bello seguirti in questo percorso! Devo dire che sono luoghi che conosco per esserci stata parecchio tempo fa, ma più di una volta.
    Infastidita anch'io da quella impenetrabilità da "padroni" della spiaggia e del mare che dovrebbero invece essere aperti a tutti. Ma così è.
    Anch'io spero assolutamente di rivedervi a Verona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, meno male...sono rincuorata dal fatto che dici che è bello seguirmi nel percorso, perchè a volte, lo so, esagero un po'! A dire il vero questo mio "reportage" era costituito "solo" da due parti (sì, era un bel mattone la seconda puntata!), ma ho avuto pietà dei miei lettori e l'ho suddiviso ulteriormente. Mi fa piacere, Ambra, che condividi ciò che penso sui "padroni" della spiaggia...
      Come dicevo sopra a Luigi, spero proprio di riuscire a venire a Verona, farò il possibile. Però butto là anche una proposta per incontrarci un giorno sulla riviera romagnola ;-)

      Elimina
    2. Ma certo. Tu proponi il luogo sulla riviera romagnola e poi vediamo di organizzare l'incontro. Però deve essere facilmente raggiungibile con mezzi diversi, dall'aereo al treno, ecc.

      Elimina
    3. Non vorrei chiedere troppo visto che un incontro in Romagna è già stato fatto, però...ecco, mi piacerebbe molto che ci vedessimo ancora dalle mie parti! Se si vuole rimanere sulla costa, Cesenatico (in primavera o fine estate) potrebbe essere un' idea. Mi sono informata sui mezzi di trasporto e forse non proprio comodi comodi, ma ci sono (in aereo si arriva fino a Rimini) e mi metto anche a disposizione per andare a prendere in stazione, informarmi per i ristoranti ecc... Un'alternativa, nei paraggi, molto interessante e certo d'altro tipo visto che è una bella città d'arte, potrebbe essere Ravenna.
      Comunque, per non andar troppo in là col pensiero, penso che prima ci vedremo a Verona!

      Elimina
  5. Quanti bei posti, la natura i paesi medioevali.L'Italia è veramente unica al mondo. Buona serata, Ninfa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, Hyde, l'Italia è unica al mondo per ciò che offre (nel mio post ho tralasciato poi di lodare la cucina di quella zona, anch'essa un'attrattiva!) e in questi ultimi anni, dato che preferisco non andare troppo lontano, la sto scoprendo...ho ancora tanti posti da vedere. Ciao, buona serata anche a te!
      P.s. Sono un po' ferma coi lavori "cassette confuse" o meglio, ne ho individuate alcune, ma ora devo capire cosa posso associarvi, mica facile...

      Elimina
  6. Che bei posti... Approvo la scelta che avete fatto...odio le zone esclusive che pretendono di essere alla moda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta tu sia in sintonia con noi, Marina! Già la scelta di stare vicino al parco e non all'Argentario stesso è stata indovinata: più tranquillità e cucina genuina praticamente dovunque. Poi è vero che anche nella modaiola Punta Ala, abbiamo trovato una bella spiaggia libera, però non credo mi sarebbe piaciuto alloggiare in quella località. Ciao!

      Elimina
  7. Che bello muoversi e conoscere con te posti particolari mai visti, Ninfa.

    Buona domenica !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è molto bello viaggiare Gianna, scoprire con emozione posti mai visti, così come tornare in luoghi che ci sono entrati nel cuore. Sono contenta e ti ringrazio di avermi seguito volentieri in questo itinerario. Ciao e buona settimana!

      Elimina
  8. sono ritornata a ritroso ai miei viaggi in queste zone...bellissime e Talamone, me la ricordo molto bella....mia figlia piccola che faceva immersioni con maschera e boccaglio e un mare limpido, è un pò che nn vado ma avevo dei bei ricordi di quel paese.....glo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, mi ricordo che mi dicevi che queste zone le conosci bene Gloria, probabilmente molto meglio di me che le ho visitate in pochi giorni... Mi dispiace se dal mio post sembra che non valga la pena di visitare Talamone...ci credo sia un bel paese e che tua figlia abbia fatto belle immersioni, il mare è splendido in quei posti! Io però ho raccontato le nostre impressioni: visto che quel giorno stavamo cercando una caletta, ce ne hanno indicata una che, a mio parere, era stravolta nella sua "naturalità". Non dubito ce ne siano, sempre a Talamone, altre più vivibili. Ciao!

      Elimina
  9. Luoghi che non ho ancora avuto la fortuna di visitare, ma che sono meravigliosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da viaggiatore quale sei, Costantino, non puoi tralasciare di visitare questi luoghi se ancora non li conosci, sono davvero meravigliosi. E anch'io devo scoprirne ancora tanti in giro per la nostra bella Italia!

      Elimina
  10. Mi dai una buona idea per le prossime vacanze, anche se avevo pensato alle 5 terre. Va bene, mi consolo cantando Maremma amara. Buon WE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Elio! Mi fa piacere che apprezzi il mio suggerimento, però la decisione che hai già preso è più che buona. Le 5 terre sono una bellissima meta, è una zona molto caratteristica nella quale tornerei volentieri. Quindi sì...per stavolta basta la Maremma cantata. Grazie e buon weekend anche a te!

      Elimina
  11. Hahahaha, è vero, certe volte la curiosità non basta, ci vuole anche l'esperienza! Comunque un piacevole girovagare, ricco di tappe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, davvero un piacevole girovagare, ben detto Anna! Purtroppo siamo partiti poco documentati su questi luoghi che volevamo visitare e così 'sta famosa Tagliata (il cui nome mi ricordava una bisteccona a fette) non l'abbiamo proprio notata...o meglio, scaricando il barile, "lui" non l'ha riconosciuta, perchè io...eh beh, ero troppo lontana...Buona domenica!

      Elimina
  12. grazie per essere stata la prima ad aver commentato il post sulla scrittura. Ti aspetto ancora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di niente, Stefania...è stato divertente partecipare alla tua iniziativa. Grazie per la visita, a presto!

      Elimina