lunedì 4 luglio 2011

un tappeto fiorito in cucina


Eccolo qua, adesso ci potete anche credere...In giro dove ti volti, ti volti è tutto un fiorire, ma anche qui nella mia cucina c'è un'esplosione floreale! Tra riso e spaghetti, sacchetti di farina, un maxi barattolo portacaramelle e tazzine da caffè nei colori sorbetto, sì, proprio lì, appena sopra la mensola in acciaio c'è la mia bella aiuola fiorita. Non devo innaffiarla, non appassisce mai e mi rallegra con quella moltitudine di colori. Certo che in un'altra postazione avrebbe fatto più figura, me se vi facessi vedere come sono strapiene le pareti del mio bilocale, capireste perchè ho dovuto sistemarlo proprio lì il mio tappeto... E lì fiorisce dal 2008.

"tappeto fiorito"  ricamo ed uncinetto cm.60x60 circa
Anche per fotografarlo ho dovuto penare non poco, visto che la mia cucina, una stretta stanzina illuminata da luci artificiali, non permette ampie vedute. Non stupitevi quindi della bassa qualità degli scatti e di qualche  trucchetto digitale nella speranza di migliorarli.

Vedete, nel pannello, quell'angolino rialzato che non ne vuol sapere di stare al suo posto? E' dovuto al fatto che non ho pensato, una volta finito, di metterlo in forma, ma l'ho foderato subito con una stoffa grezza. Essendo un pò storto, la stoffa sul retro ha iniziato a tirare formando questa brutta piega. Sarebbe proprio da sistemare...

Questo tappeto da parete è nato dall'idea di riciclare i numerosi avanzi di lana colorata che avevo in casa. In quel periodo avevo comprato del canovaccio doppio, a buchi più grandi della tela Penelope,  ma più piccoli di quella usata per altri tappeti. Insomma, nè carne, nè pesce, e non sapevo proprio che farmene, finchè un giorno non mi si è accesa una lampadina!


Così ho ricamato il canovaccio tutto a quadratoni, abbinando "ad occhio" i colori, via via che proseguivo. Ho usato il semplicissimo punto croce e mi sono accorta che anche fatto con la lana aveva un aspetto piacevole.

particolare del tappeto elaborato con Adobe Photoshop

Una volta terminato il fondo a quadrati, il tappeto mi appariva però un pò troppo anonimo, così ho pensato di rivitalizzarlo con qualche elemento aggiuntivo. L'occhio mi è caduto su una rosellina a tre strati che avevo realizzato qualche tempo prima ad uncinetto. Perchè non usare quella? Ed ho incominciato a farne una sporta...

particolare del tappeto elaborato con Adobe Photoshop
Per non esagerare col mix di colori, ho cercato comunque di mantenere una certa ripetitività per quanto riguardava gli abbinamenti tra quadrati ed elementi fioriti. Se all'inizio della lavorazione, la lana a disposizione mi sembrava abbondante, alla fine scarseggiava così tanto che mi sono dovuta arrangiare anche con rimasugli ricavati guastando vecchi lavori mai finiti.

Non so se il risultato finale vi piaccia e qui vi invito a dire il vostro parere senza peli, anzi pelucchi, sulla lingua, tanto voi lo sapete che non mi offendo...quasi mai. Per me è stato un lavoro divertente, molto piacevole e creativo e questa "arlecchinata" ha portato una nota di allegria e fantasia in cucina...che non guasta mai!



Buona colorata e floreale settimana a tutti!

24 commenti:

  1. molto meglio l'originale.senz'altro che le foto..eheheheh
    Ti sei data da fare ..e moltom, ma penso che a vederlo sia ancora più luminoso, solare ed originalissimo. Conosco questa arte del riciclo (forse di più qualche anno) perchè con gli avanzini vari di lana e cotone facevo anche io dei lavori per utilizzare il materiale avanzato, ma questo tappeto è veramente una bella idea..originale e molto fantasiosa.
    Posso immaginare come è piena la tua casa...con tutta la creatività che ti ritrovi!!!ciaoo Ninfa.
    Sono andata al cinema...grazie del pro-memoria.
    Ho visto Cetto LAQUALUNQUE...poi dirò più avanti.

    RispondiElimina
  2. Ma è bellissimo perché ti dà subito il buonumore. Del resto mi sembra che sistemarlo appeso in cucina sia molto originale come idea e che possa starci benissimo.

    RispondiElimina
  3. Quando si dice... portare il giardino in casa!...

    RispondiElimina
  4. Te l'ho detto fin dal primo momento che ti ho incontrata che sei geniale!!! Embè, te lo ridico di nuovo.
    Hai ottenuto un bellissimo risultato, che si potrebbe mettere in pratica anche per realizzare una coperta per il letto.

    RispondiElimina
  5. Peccato relegarlo in cucina!
    Però se come dici tu non c'era altro posto...ha senz'altro valorizzato la stanza!
    Splendido lavoro!!!!!

    RispondiElimina
  6. Che bello! A me piace molto. Vederlo dal vivo dev'essere meglio..
    Un abbraccio..

    RispondiElimina
  7. Allegro, colorato, spiritoso, simpatico ... che vuoi di più! Carla

    RispondiElimina
  8. Vi ringrazio di questi complimenti, sono davvero contenta che vi sia piaciuto il mio tappeto da parete, nonostante l'angolo rialzato! Ricamare il canovaccio è un lavoro appassionante e mi è piaciuto in questo caso anche sperimentare l'unione di due tecniche diverse. In effetti questa mia creazione ricorda molto le coperte "old America", a cui magari involontariamente mi sono ispirata, ma vi assicuro che il contatto non risulterebbe ugualmente piacevole, perchè il canovaccio è una tela piuttosto rigida.
    Durante la lavorazione del pannello, il caso e un pò d'occhio, ha voluto che gli avanzi di lana, pur essendo dei colori più disparati, si armonizzassero bene tra loro e questa, a lavoro ultimato, è stata una grande soddisfazione.
    Mi fa piacere che abbiate apprezzato maggiormente le foto più fedeli all'originale, ma anche quelle sono state un pò "regolate", perchè come vi dicevo, fare le foto nella mia cucina è un pò difficile...anche quei tre faretti dell'ultima foto non esistono mica!
    La scelta di appenderlo proprio lì non mi sarebbe certo dispiaciuta se questa stanza fosse stata più ampia e non solo "un angolo", così invece mi sembra che il tappeto non venga troppo valorizzato. Però certamente, come avete scritto anche voi, portando il giardino, che non ho, dentro casa, ho portato anche una ventata di allegria e buonumore...Un carissimo saluto!

    RispondiElimina
  9. ...e continuo rispondendo anche al commento di Carla che ho visto solo ora, che non voglio niente di più...magari solo il tempo (o forse anche la voglia?) per dedicarmi ancora a questi grandi, come estensione intendo, lavori su canovaccio. Ciao e grazie!

    RispondiElimina
  10. Hai abbinato molto bene i colori ed il risultato è super!
    Cinzia

    RispondiElimina
  11. Ma che bello, Ninfa!!!! A me piace molto, tanti complimenti, anche per la pazienza che hai avuto, comunque ne è valso la pena, il risultato è ottimo!...Non dovevi venire a trovarmi?

    RispondiElimina
  12. Vedo che produci arte...Ciao!

    RispondiElimina
  13. Complimenti, è veramente bellissimo!
    Ha un non-so-che di etnico, dà veramente una sferzata di energia!
    Se fossi in grado lo copierei, ma non ci provo nemmeno... ;)

    RispondiElimina
  14. ma sai che mia piace proprio e anche tantissimo...auna cucina bui e stretta da sicuramente colore....ma anche se fosse ampia e luminosa....del resto....insomma una macchia di allegria nel grigiore delle ns giornate.glo

    RispondiElimina
  15. Eccoloooo!! Ma è bellissimo! Ed è anche molto grande, c'è dentro tantissimo lavoro! Per me le cose colorate sono una calamita, mi sono sempre piaciute!
    Bravissima sia per l'idea che per la pazienza.
    A presto, baci!!!

    RispondiElimina
  16. Coloratissimo, ma non serve il photoshop: è bellissimo così!
    :)

    RispondiElimina
  17. ....e allora ci CREDO :))...a parte gli scherzi è un lavoro certosino, e quando si producono questi lavori la soddisfazione è davvero tanta...poi se il "pensiero" risulta alla fine di buon gusto e dei proprio gusto è ancora meglio.
    Ciao Vania

    RispondiElimina
  18. L'idea è bellissima e mi ha subito ricordato quelle piastrelline di plastica verde fiorite che mi fermo sempre a guardare e non ho mai il coraggio di comperare, un po' per il costo, un po' per il materiale e un po' perchè poi non saprei cosa farne. Nel tuo caso, fatta di lana, mi convince proprio e saprei come utilizzarla in tanti modi. Devo proprio imparare a fare i fiori all'uncinetto! Quest'inverno...

    RispondiElimina
  19. Dal vivo è molto, molto più bello.Non so se ti ricordi ma l'avevi portato in negozio mentre ci stavi lavorando e mi aveva colpito moltissimo per la varietà e la brillantezza dei colori, la foto non rende giustizia..potevi stendere il tappeto su di un prato all'aperto,la luce sicuramente era migliore! Comunque bravissima!

    RispondiElimina
  20. Grazie a tutti voi di essere passati e di avermi rivolto i vostri gentili apprezzamenti, scusatemi invece se in questo periodo sono poco presente nei vostri blog, causa stanchezza ai massimi livelli...
    Riguardo al tappeto, alcuni di voi hanno intuito il grosso impegno che ci sta dietro e la pazienza che occorre, sì, è certamente vero, però è stato un lavoro appassionante e a volte è bello cimentarsi anche in cose impegnative. Il risultato poi mi è piaciuto, l'abbinamento dei colori mi pare (incredibilmente) riuscito ed è davvero "energetico" e allegro, come avete osservato. Dal vero, come dice Floriana che l'ha visto, sarà anche più bello, ma in genere è così per ogni cosa, dai ricami ai quadri, a meno di non essere molto abili con la fotografia! Se ho fatto poi qualche ritocco alle immagini è stato solo per dare più luminosità..a parte le due inquadrature in cui ho giocato con i colori.
    Non ho mai visto le piastrelline in plastica fiorite e non ho idea di come si usino, certo fare una composizione simile può essere un'idea, anche se il mio pannello è lavorato in un unico pezzo, a differenza di quelle coperte con i moduli cuciti tra loro.
    ....e nonostante il caldo e la stanchezza, sono riuscita lo stesso ad annoiarvi con un'infinità di parole. Eh, portate pazienza...Ciao!

    RispondiElimina
  21. Una grande dimostrazione di buon gusto,fantasia,
    impegno, che la calura estiva non ha intaccato minimamente.

    RispondiElimina
  22. ohhh...non è possibile pubblicare un cotanto bel tappeto mantenendo un angolo rialzato.....ahimèèèè che cosaccia!! eheheheheh...
    apparte gli scherzi e variopinto e vivace al punto giusto...e certo che la settimana sarà colorata!
    ciao Ninfa...
    mariuccia

    RispondiElimina
  23. Grazie Costantino, sei gentilissimo, sono contenta che il mio pannello ti sia piaciuto. La calura estiva? Hai ragione, il mio "tappeto fiorito" non ne è stato intaccato minimamente, io invece sì, eccome...Non sarei mai riuscita a fare adesso un lavoro come questo, a causa dell'afa, ma anche degli impegni. Ciao!

    Chiedo perdono, Mariuccia...Vedi, io "casco" proprio su queste cose: le rifiniture! Mettere in forma e cucire il bordo è la cosa che detesto di più dei tappeti, perchè questo non è mica l'unico! Comunque sono contenta che ti sia piaciuto nonostante questa pecca e che ti abbia portato giorni colorati. Ciao!

    RispondiElimina