mercoledì 22 settembre 2010

dieci piccoli indiani: IL NUOVO GIORNO


Eccoci al primo appuntamento! Per prima cosa, se non l'avete già fatto, vi invito a leggere la presentazione nel post precedente e se questo, di post, non dovesse piacervi... riconoscete almeno che è breve!


IL NUOVO GIORNO


La tenda dell'alba si schiude

laggiù nella Terra del Giorno.

Il Fanciullo d'Aurora vi si appende

per dondolarsi dolcemente.

Tutt'intorno schiarisce.

canto Navajo


18 commenti:

  1. posso vedere meglio il primo dei dieci,delicato il canto che lo accompagna,ciao Ninfa

    RispondiElimina
  2. Molto carino e rappresentativo del canto! Aspetto il prossimo!

    RispondiElimina
  3. Gli indiani mi hanno sempre affascinato perché hanno sempre avuto un rapporto speciale con la natura e questo canto ne è la prova,bello il disegno,originale l'idea Ninfa!

    RispondiElimina
  4. Brava Ninfa, non avevo notato, in precedenza, con quanta cura e semplicità hai dato "vita" al canto Navajo.

    RispondiElimina
  5. molto dolce...ed originale...complimenti Ninfa.ciaoooo

    RispondiElimina
  6. Troppo buoni!! Eppure vi avevo dato anche il "permesso" di criticare! Quando disegno così, di getto, ne faccio di errori...(avrete certamente notato le "manone" non proprio da fanciullo!)I canti degli indiani, un popolo davvero affascinante, evocano delle immagini ed io mi sono lasciata trasportare, traducendole in disegni. Grazie a tutti di essere ritornati qui anche oggi, ciao!

    RispondiElimina
  7. bellissimi i versi navajo che tentano di umanizzare gli elementi naturali

    e bello anche il tuo disegno che cerca di rappresentarne le immagini poetiche

    brava!

    RispondiElimina
  8. Sì, è vero Itsas, nella loro particolare visione del mondo, ogni cosa era animata e sacra. Sono convinta che in quanto al rispetto nei confronti della natura, avrebbero molto da insegnarci. Grazie per i complimenti!

    RispondiElimina
  9. Mi piace disegnare, è divertente.
    baci

    RispondiElimina
  10. Ciao, Geminis, grazie per essere passata di qui. Disegnare è certo divertente e poi basta così poco per farlo: un foglio ed una penna. A presto!

    RispondiElimina
  11. Un disegno molto particolare e molto bello, che illustra egregiamente i versi del canto navajo cui si ispira.

    RispondiElimina
  12. Grazie Krilù per le belle parole. Chiaramente ho illustrato questi bei versi con le "armi" a mia disposizione che, a livello di tecnica, non sono tante, in compenso sopperisco con la fantasia! Ciao

    RispondiElimina
  13. Ciao Ninfa, i canti indiani mi appassionano da sempre, sono parole potenti e piene di saggezza, mi piacciono perché parlano delle forze della Natura... Ne ho letti diversi, il canto degli Alberi, della Farfalla, della Nuvola Rossa...
    Sono appena tornata e non ho ancora letto tutti i post, comunque il tuo disegno mi piace molto, rispecchia davvero lo spirito di questo canto.
    Ciao, Giada

    RispondiElimina
  14. Ninfa tienes un bloc muy simpático y algunas fotos bellísimas.

    RispondiElimina
  15. Ah, vedo che sei proprio un'appassionata, Giada! Grazie per il tuo apprezzamento e buon rientro!

    Ti ringrazio per le tue parole, Leovi. Sono molto chiare anche per me che non so lo spagnolo. Ciao!

    RispondiElimina
  16. Che bella quest'idea che hai avuto... il disegno mi piace davvero tanto... Complimenti!
    Un abbraccione

    RispondiElimina
  17. Grazie per i complimenti, Mariabei. Il libriccino me l'aveva regalato un'amica tempo fa e questi canti mi sembravano proprio adatti per essere illustrati. Ciao!

    RispondiElimina